Wadi Al Arbaeen

Affascinante wadi a sud di Muscat

E’ questo il primo wadi che abbiamo visitato durante il nostro viaggio in Oman ed è quello che ci ha affascinato di più.

Wadi Al Arbaeen si trova tra la regione di Al Sharqiyah e quella di Muscat, a circa 1h30 di auto dalla capitale. Per raggiungerlo occorre percorrere la strada costiera in direzione della città di Sur ed effettuare un percorso off-road poco dopo il paese di Qurayyat. Abbandonata la strada principale si continua su una sterrata e per questo motivo consigliamo di utilizzare un fuoristrada 4×4.

La strada è stupenda. Ci ritroviamo immersi tra canyon con rocce multicolori che vanno dal rosso, al viola, al giallo. Alcune montagne sono composte addirittura da frammenti di legno fossilizzato.

La strada continua e il paesaggio diventa sempre più affascinante. Siamo soli. Questo wadi non è tra i più famosi ed è quindi poco turistico.

Tra una montagna e l’altra, si aprono al nostro sguardo piccoli paesini immersi in bellissimi palmeti. La nostra guida Said ci spiega che la poca acqua presente sgorga naturalmente dalle montagne e viene canalizzata nei Falaj, antichissimo sistema di irrigazione dove l’acqua viene incanalata per molti chilometri. Quest’acqua arriva ai villaggi nei Falaj lungo il canyon e grazie ad essa le palme e gli alberi da frutto crescono rigogliosi. Delle vere e proprie oasi tra montagne brulle.

Abbiamo continuato a percorrere la strada lungo il canyon arrivando a una piccola cascata con un laghetto dal quale fuoriusciva un torrente che continuava il suo percorso lungo il wadi. L’acqua era di un verde smeraldo meraviglioso. La guida ci ha raccontato che durante la caldissima estate molti locali vengono qui a farsi un bel bagno rinfrescante.

Dopo una pausa e qualche foto, ritorniamo sulla strada e ci dirigiamo verso l’uscita del wadi. Le montagne sono meno vicine tra loro e il paesaggio intorno alla strada si apre sempre di più. L’acqua non ci abbandona e contribuisce a formare un fantastico paesaggio. Il sole è cocente, nonostante i 25 gradi.

Dall’entrata nel wadi ci accompagna il silenzio e sarà una parte importante del nostro viaggio.

Facciamo un’altra sosta per ammirare il paesaggio e immortalarlo nelle nostre numerose fotografie.

Il percorso off-road è di circa 15km, tra montagne, fiumi, laghetti e villaggi. I villaggi mi colpiscono sempre molto; rimango affascinata nell’osservare gli abitanti impegnati a svolgere la loro vita quotidiana. E i bambini sono quelli che catturano di più la mia attenzione. Ricordate di chiedere sempre agli abitanti dei paesi prima di fare fotografie, soprattutto a donne e bambini.

Ringraziamo moltissimo la nostra guida Said per averci fatto scoprire questo insolito wadi, senza turisti e molto affascinante.

Dopo qualche chilometro torniamo sulla strada asfaltata e siamo pronti per scoprire un altro posto magnifico, il Bimmah Sinkhole che raggiungiamo in circa 40 minuti di auto.

Se ti è piaciuto questo post, condividilo sui tuoi social!
Facebooktwitterpinterestlinkedintumblrmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *