Martinica: una calda meta per il Natale

Ormai manca poco a Natale. E pensare di trascorrere le festività al caldo caraibico è il desiderio di molti!

Una meta adatta al periodo e molto comoda è la Martinica. Fa parte dell’arcipelago delle Piccole Antille. Appartenente alla Francia, la sua cultura è caratterizzata da una particolare mescolanza di influssi francesi e delle Indie occidentali.

E’ una destinazione molto comoda perché risulta essere una piccola Francia dei Caraibi. Fa parte dell’Unione Europea ed è utilizzato l’Euro, basta la sola carta d’identità per entrare nel paese, è ottimamente collegata con voli giornalieri da Parigi di circa 8 ore ed è una delle poche isole caraibiche a vantare un elevato standard sanitario. Per tutti questi motivi è una meta consigliata anche a famiglie con bambini che vogliono rilassarsi nel caldo clima caraibico.

La Martinica è un’isola di origine vulcanica e. come altre isole della regione caraibica, offre mare turchese e spiagge bianche, un clima mite e ventilato, una natura tropicale rigogliosa, ritmi di vita tranquilli.

 

QUANDO PARTIRE

La Martinica ha un clima tropicale, con temperature calde tutto l’anno. La costa meridionale è più secca rispetto al nord, dove si trovano le foreste pluviali. I periodi da dicembre ad aprile e da luglio ad agosto sono frequentati dai visitatori. Il carnevale (date variabili, febbraio-marzo) è celebrato con sfilate e costumi che uniscono motivi francesi e africani. La stagione degli uragani, invece, va da giugno a novembre.

 

COSA FARE IN MARTINICA

Esiste una Martinica dei resort e una per chi decide di viverla con i suoi ritmi, colori e pazzie. Noleggiando un auto, si può visitare tranquillamente tutta l’isola. Si consigliano almeno 10 giorni, tra visite e relax nelle diverse spiagge.

Fort de France è la capitale e un vero esempio dell’incontro tra Francia e Caraibi: edifici fatiscenti ospitano negozi di moda ed uffici, in cui trovare farmacie specializzate e gente che vende frutta esotica per strada. E’ ottimamente collegata a ogni parte dell’isola.

Sul lato Ovest (poco distante da Fort) si trova St. Pierre, la capitale prima di venire distrutta nell’ultima eruzione del vulcano Pelée e di cui è possibile ammirare le rovine. Sullo sfondo si staglia il vulcano.

Sul lato Est, invece, potete visitare la Trinité, in cui si può fare una lunga escursione attraverso Presqu’Île de la Caravelle, dove si trova il suggestivo “Sentiero dei granchi rossi”, che prende il nome dai moltissimi granchi e paguri colorati osservabili lungo il cammino

Un’escursione imperdibile da fare in barca è quella al “Bagno Josephine”: un atollo in mezzo al mare che vi permetterà di fare un bagno al largo in acque bassissime dove si tocca.

Un altro giro molto consigliato è Trois Îlets, raggiungibile con un apposito battello attivo tutto il giorno da Fort de France. Lì potrete fermarvi ad Anse Mitan o ad Anse à l’Ane, da cui potrete raggiungere anche le bellissime Anse Dufour ed Anse Noir. La particolarità di queste spiagge è che nonostante siano adiacenti, la seconda presenta una sabbia scura di origina lavica e ciò crea un effetto ottico straordinario.

Infine, potete visitare Diamant, città molto vivace e più turistica, dove si trovano alcuni monumenti e una spiaggia rilassante, da cui ammirare e visitare lo “Scoglio di Diamante”, un misterioso isolotto che sembra proprio il nascondiglio di qualche pirata dei Caraibi!

Trovate tantissime informazioni in questo sito: www.martinicaonline.it

 

ALCUNI PIATTI TIPICI

I piatti della tradizione culinaria di questa magnifica isola condensano tutti i profumi e sapori dei Caraibi: frutta esotica, latte di cocco, spezie, erbe e tanto, tanto pesce freschissimo e magnifici crostacei.

  • Poulet boucané: pollo affumicato con la canna da zucchero.
  • Paté en pot: zuppa consistente con interiora di pecora e verdure.
  • Gratin di banane gialle: esistono banane da dessert e banane da cucinare. Il gratin di banane spesso accompagna le portate principali.
  • Féroce: una particolare preparazione di pesce insieme a un mix di spezie.
  • Z’habitant: grossi gamberi di fiume (ecrevisse).
  • Ribbs: costolette di maiale caramellate alla griglia
  • Chatrou: polpo, cucinato in modi diversi.
  • Calalou: zuppa a base di erbe, verdura, maiale o granchio.
  • Crabe farci:granchio di terra farcito con un ripieno piccante.

 

MAPPA DELL’ISOLA

 

Se ti è piaciuto questo post, condividilo sui tuoi social!
Facebooktwitterpinterestlinkedintumblrmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *